04
Apr

Il suo tratto sul cartellone del film «Guerre stellari»

Il suo tratto è impresso anche sul cartellone del film «Guerre stellari»
Roberto Santo, nato a New York nel 1953, è direttore artistico del progetto del «Chiostro di Saint Patrick», ad Anchorage, in Alaska. Il chiostro conterà oltre duecento opere d’arte, tutte realizzate da Santo. Tra queste vi saranno trenta sculture, cento bassorilievi, duecento metri quadrati di vetrate e un muro di cento metri realizzato in mosaico. All’interno del chiostro ci saranno sette cappelle con più di cento bassorilievi raffiguranti il Vecchio e il Nuovo Testamento.

Il progetto, sostenuto con la raccolta fondi dei fedeli e frutto dell’impegno del reverendo Scott Medlock col coinvolgimento diretto di Roger L. Schwietz, arcivescovo di Anchorage, vuole essere un gioiello per l’Alaska, ma sarà soprattutto il capolavoro di Santo nella sua carriera di artista.
Figlio di una famiglia di emigranti italiani, da una dozzina d’anni ha scelto la Toscana per trascorrervi metà dell’anno e dedicarsi alla scultura a Pietrasanta (Lucca). Dalla Versilia le sue opere arrivano a Manhattan. Ha esposto a New York, ma anche in Florida, in Inghilterra e in Italia.

Da piccolo dipingeva gli sfondi cinematografici del padre in America. C’è il suo tocco nel cartellone del musical «My fair lady» o del film «Apocalipse now». La sua mano si ritrova su oltre 150 manifesti cinematografici, come quello di «Star wars». Negli anni Settanta ha frequentato l’università dell’Oregon e l’Art center school of design di Los Angeles. Poi la scoperta dell’Italia e della scultura. Passioni che si sono fuse insieme.M.V.A.